Consigli per la cura delle piante

Famiglia

Famiglia

PUNICACEAE

Origine

Origine

EUROPA SUD-EST, ASIA SUD-EST

Tipo pianta

Tipo pianta

ARBUSTO, CADUCIFOGLIA, ALTEZZA MAX 5 M., SPINOSO (LATIFOGLIA)

Calendario fioritura

Calendario fioritura

GEN
FEB
MAR
APR
MAG
GIU
LUG
AGO
SET
OTT
NOV
DIC
Calendario maturazione

Calendario maturazione

GEN
FEB
MAR
APR
MAG
GIU
LUG
AGO
SET
OTT
NOV
DIC
Esposizione

Esposizione

PIENO SOLE

Irrigazione

Irrigazione

Nei primi anni di vita deve essere irrigato regolarmente nel periodo della ripresa vegetativa, mentre in inverno quasi mai. Il melograno coltivato in vaso deve essere bagnato più spesso (circa due volte la settimana in estate) ma senza eccessi e ristagni.

Descrizione

Descrizione

Arbusto (latifoglia) a foglia caduca, eretto e cespuglioso, a crescita lenta con uno sviluppo massimo in altezza di 4-5 m. , ed un diamtero di 3-4 m. La corteccia assume, col passare del tempo, un colore grigio-cenere. I rami sono fitti e provvisti di lunghe spine. Le foglie, di forma allungato-lanceolata, lisce, sono verdi e, talvolta, rossastre. In autunno assumono un colore giallo-dorato. I fiori sono imbutiformi, eleganti, isolati od a gruppi di 3, di colore rosso corallo: compaiono in maggio e si ritrovano fino al mese di agosto. I frutti che ne derivano sono bacche di dimensione fino a un diametro di oltre 10 cm. , rosse o aranciate e giallastre, contenenti semi commestibili rosso-violacei. Maturano in ottobre. La pianta risulta molto bella nel periodo della fioritura ed in quello della maturazione dei frutti.

Cura

Cura

TEMPERATURA: si adatta a condizioni di freddo anche intenso, con temperature fino a -5/-10°C.
SUBSTRATO: il melograno è possibile coltivarlo anche in vaso e il substrato deve essere composto da buona terra da giardino con aggiunta di sabbia. Evitare i terreni argillosi, meglio terreni tendenzialmente acidi.
CONCIMAZIONE: in primavera dare un fertilizzante bilanciato o un concime organico a lenta cessione.
POTATURA: poiche' i frutti si formano sui rami di un anno, occorre asportare solo i rami che hanno già fruttificato nell'annata precedente, ed eventualmente sui pollini e sulle parti secche.
CONSIGLI IMPIANTO: Il melograno si puo' allevare anche in forma obbligata (spalliera, a vaso), ma nei giardini solitamente e' tenuto in forma libera.