Consigli per la cura delle piante

Famiglia

Famiglia

MALVACEAE

Origine

Origine

CINA E INDIA

Tipo pianta

Tipo pianta

ARBUSTO ERETTO A FOGLIA CADUCA, ALTEZZA FINO A 2-3 M. (LATIFOGLIA)

Calendario fioritura

Calendario fioritura

GEN
FEB
MAR
APR
MAG
GIU
LUG
AGO
SET
OTT
NOV
DIC
Esposizione

Esposizione

PIENO SOLE MA ANCHE MEZZ'OMBRA

Irrigazione

Irrigazione

Bagnare ogni 10/15 giorni nel periodo estivo e comunque solo quando il terreno è molto asciutto.
Le piante in vaso vanno bagnate con maggior frequenza (almeno 2 volte la settimana con estati calde) evitando però di lasciare acqua nel sottovaso.

Descrizione

Descrizione

Arbusto (latifoglia) spogliante a portamento cespuglioso eretto (raramente piccolo albero) che puo' raggiungere 2/3 mt di altezza al massimo. Ha foglie cuneate, a tre lobi appuntiti, lunghe fino a 10 cm. , di colore verde intenso. I fiori, ascellari, sono piuttosto grandi e vistosi, campanulati, dai colori piu' diversi a seconda delle varieta': bianchi, rosa, rossi, violetti, bleu ecc. e con differenti sfumature e screziature. Compaiono in tutto il periodo estivo (fino ad ottobre in zone favorevoli). I frutti sono delle capsule di nessuna attrattiva ornamentale. La specie e' particolarmente attraente durante l'estate.

Cura

Cura

TEMPERATURA: le piante coltivate in terra hanno una migliore resistenza al freddo delle piante in vaso. Di norma con temperature prossime allo zero devono essere riparate in serra.
POTATURA: a fine inverno va eseguita una energica potatura a poche gemme. Vanno eliminati i rami piu' deboli e conservati quelli piu' vigorosi. La potatura stimola la produzione di vegetazione e di fiori.
CONCIMAZIONE: ogni 15/20 giorni nel periodo vegetativo con fertilizzanti specifici per piante da fiore. Per le piante coltivate in terra si possono usare anche concimi organici a lenta cessione.
SUBSTRATO: qualsiasi buon terriccio da giardino, anche universale con un buon drenaggio.
RINVASO: ogni due o tre anni si cambia il vaso, ma già appena lo acquistiamo è buona norma metterlo in un vaso appena più grande e possibilmente di terracotta. Il periodo migliore per il rinvaso è a fine inverno.